sabato 27 ottobre 2007

Il business del Teleriscaldamento

Alla recente assemblea straordinaria del quartiere centro urbano di Cesena tenutasi venerdì sera si è parlato della situazione indecente nella quale versano i lavori di ristrutturazione stradale in via Europa, strada che va dalla stazione fino alla rotonda provvisoria sulla via Emilia. I pochi residenti della zona vivono in uno stato da barricati in casa, con il cantiere completamente a ridosso delle abitazioni, da almeno sei mesi. Ciò nonostante le previsioni iniziali fossero di finire i lavori entro l'estate. Tali cantieri, appaltati alla ditta SAI di Modena, appaiono in uno stato di degrado e abbandono generalizzato, specialmente per quanto riguarda le più elementari norme di sicurezza, tombini aperti lasciati incustoditi, recinzione precaria, alberi tagliati, marciapiedi già rotti anche se non ancora terminati, lavori eseguiti in maniera disorganizzata. La causa di tanto trambusto e ritardo di consegna delle opere sembra essere stata in parte, oltre alla modesta professionalità dovuta all'impiego massiccio di lavoratori extracomunitari, la volontà di includere extra progetto la stesa di condutture per il teleriscaldamento. Tali condutture, adagiate in fosse profonde fino a sei metri nella sede stradale, sono state di fatto imposte a posteriori da HERA, non si sa tramite quali attività di pressione sull'amministrazione comunale, allo scopo di realizzare l'infrastruttura dorsale di teleriscaldamento che servirà il nuovo complesso residenziale da 500 appartamenti che dovrà sorgere nella zona limitrofa. Di per se il teleriscaldamento potrebbe anche essere una buona cosa, al di la dei disagi della popolazione per le opere invasive a livello stradale che esso richiede. Tuttavia, una modifica in corso d'opera in presenza di una ditta già totalmente in affanno per rispettare i tempi dei lavori, sta facendo saltare il cantiere e trascina disagi che i residenti non potranno che riversare subissando di proteste l'amministrazione. Il consigliere Angeli di Forza Italia ha espresso senza mezzi termini la convinzione che in realtà, tutta questa frenesia di HERA di inserire il teleriscaldamento ovunque si svolgono dei lavori pubblici importanti, nasconda un enorme business. Hera già dispone sul territorio di piccole centrali a turbo gas con le quali genera (e vende) energia elettrica, tali centrali necessitano di acqua di raffreddamento, pertanto anziché spendere soldi per raffreddarla e reimmetterla nei fiumi (inquinamento termico) pensa bene che sia uno spreco e cerca di convogliarla nelle abitazioni per riscaldare gli stabili. Peccato che questo servizio venga venduto a carissimo prezzo agli abitanti, pur essendo per hera praticamente energia gratis di scarto. Ne sanno qualcosa i residenti del nuovo quartiere dello Ex Zuccherificio (nel quale abita anche il nostro sindaco Conti, che prima di vedere funzionare a dovere il riscaldamento hanno dovuto fare battaglie a colpi di denunce, dato che non funzionava mai a dovere e le promesse di efficienza ed economicità non sono state rispettate. Insomma, hera vorrebbe infilare il teleriscaldamento ovunque, incasinando i lavori di ditte appaltatrici già di per se poco competenti, per poi cercare di guadagnarci delle cifre spropositate. Costruisce le centrali, prende soldi con l'energia elettrica, poi prende soldi anche con il teleriscaldamento, e pretende di sfruttare i cantieri già aperti per risparmiare sulle proprie opere! Il futuro non è questo, molto meglio incentivare la cogenerazione distribuita, costruire case a certificazione energetica garantita, il teleriscaldamento può essere utile in taluni contesti, ma non deve diventare solo un business e un ricatto continuo per i comuni.

giovedì 25 ottobre 2007

Documentario sul capitalismo

Il capitalismo sta entrando irrimediabilmente in crisi. Il consumismo forsennato e lo sfruttamento sistematico delle risorse al di la dell'immaginabile mettono a repentaglio il concetto stesso di civiltà. Le guerre per l'accaparramento e i conflitti sociali innescati dalla globalizzazione hanno il potenziale di rendere irrilevanti quisquilie come preservare i diritti civili e i diritti umani delle persone, ridotte a consumatori ottusi privi di alcun valore qualora risultino incapaci di comprare le merci. Su questo tema esiste un meraviglioso pluripremiato documentario che può essere visionato su internet in forma integrale, si chiama surplus. La voce iniziale di sottofondo è nientemeno che quella di Fidel Castro, sentite cosa dice alla gente, alla faccia del feroce dittatore sanguinario che una certa visione occidentale acriticamente filoamericana vuole a tutti i costi inculcare. Il documentario é una denuncia vibrante come le parole della politica siano svuotate di ogni significato oggettivo, purché raggiungano l'obiettivo di farci desiderare la crescita perenne del modello capitalistico di riferimento. Steve Ballmer della Microsoft che grida "developers.. developers..", crescita infinita, sviluppo. Credeteci, é un castello di carte!

mercoledì 24 ottobre 2007

Esiste davvero democrazia in italia ?

Claudio Messora è un ragazzo milanese che ha aperto un blog dal nome "le intuizioni ovvie" sul quale si possono trovare contenuti multimediali davvero interessanti. Fra le sue ultime realizzazioni, di sicuro impatto visivo e culturale, c'è una breve narrazione storica che parte dalle origini aristoteliche fino alle moderne concezioni post rivoluzione francese delle varie forme organizzative di stato e di governo. Dalla Monarchia, alla Aristocrazia, fino alla Politìa (degenerante in Democrazia). Il post originale con la trascrizione lo trovate qui. Il lavoro è diviso in due puntate video pubblicate su YouTube che vi allego al post, davvero merita una occhiata e qualche minuto di sana riflessione.

Parte I

Parte II

martedì 23 ottobre 2007

Il picco del petrolio è arrivato nel 2006

Da tanto tempo si parla della teoria del picco di Hubbert e del paventatato esaurimento rapido della produzione di petrolio, chi osava declamare simili concetti fino a solo pochi anni fa era tacciato di fare la Cassandra e seminare il panico nei mercati. Ora purtroppo occorre ammettere, in virtù delle notizie ufficiali fornite dall'Energy Watch Group, istituto di ricerca tedesco, che coloro che avevano pronosticato l'esaurimento dei prodotti petroliferi, e con essi il ridimensionamento dell'intero stile di vita al quale eravamo da tempo abituati, avevano ragione! Il picco del petrolio è arrivato nel 2006.

LONDRA, 22 OTT - Il picco della produzione mondiale di petrolio è stato raggiunto nel 2006: è quanto afferma il gruppo di ricerca tedesco Energy Watch Group, in un rapporto presentato oggi a Londra. Inutile quindi aspettarsi un rapido ritorno a livelli "normali" dei prezzi del barile, che ha sfondato quota 90 dollari la scorsa settimana: secondo la ricerca, la produzione mondiale - ferma l'anno scorso a 81 milioni di barili al giorno - è destinata a scendere a 58 milioni nel 2020, e a 39 milioni nel 2030. Sarebbe quindi inevitabile, se si realizzassero queste previsioni, un aumento del prezzo del petrolio, a fronte di una crescita costante della domanda - con conseguente rischio di guerre e rivolte in tutto il mondo. I dati diffusi dall'Energy Watch Group sono in netto contrasto con quelli dell'Agenzia Internazionale dell'Energia, che prevede una produzione in crescita nei prossimi decenni, fino a 116 milioni di barili al giorno nel 2030. (ANSA). Z08-LQ 22-OTT-07 13:50

Molti di voi si chiederanno cosa ce ne importa, considerate solo quanto segue:
  • La curva della produzione è una gaussiana simmetrica, significa che nel 2020 avremo tanto petrolio disponibile come quanto ne avevamo nel 1980, nel 2030 tanto quanto nel 1970, e così via.
  • La popolazione mondiale, necessariamente, dovrà tornare fra venti anni ai livelli di qualche decennio fa, per il semplice fatto che le risorse disponibili non sono sufficienti a conseguirne una ulteriore crescita, pertanto qualche miliardo di persone dovrà sparire dalla faccia della terra, NECESSARIAMENTE.
  • Le risorse rinnovabili non sono minimamente in grado di coprire una fetta significativa del fabbisogno nemmeno fra 50 anni (quando il petrolio tenderà all'esaurimento completo)
  • L'energia nucleare da fissione avrà il suo picco fra meno di 20 anni, dopo i quali non esisterà più disponibilità di materiale fissile a basso prezzo.
  • L'italia, come tanti altri paesi solamente importatori di energia, sarà fra i primi a piombare in una recessione totale a causa del fatto che i paesi produttori tenderanno a trattenere le riserve per il loro uso interno.
In sostanza, senza essere catastrofisti, da oggi inizia la decrescita. Leggete qui, non so voi ma a me tremano un pochettino i polsi ... e siamo ancora a discutere di dementi come Mastella e compagnia.


lunedì 22 ottobre 2007

Ambientalismo all'italiana

Riporto un articolo di Federico Valerio, che nel suo blog mostra i rischi a cui andiamo incontro spacciando per ecologismo sostenibile scelte dettate dal puro impatto emotivo. Senza una accurata analisi scientifica delle conseguenze non è opportuno spingere scelte che sulla carta sembrano andare verso una direzione ecologica. Esempi ne abbiamo a bizzeffe, dall'assurdità dei biocarburanti, per finire all'utilizzo del "mater-bi" prodotto dal mais per la realizzazione delle plastiche biodegradabili. Nell'articolo si mostra come queste plastiche, se mescolate alla plastica normale, ne impediscono il riciclo (non sono compatibili). Anzichè fare come si fa in Inghilterra, dove i sacchetti di plastica sono pesantemente tassati e si incentiva l'uso dei sacchetti riusabili di materiale tessile, si vuole spingere nel consumo di materiali biodegradabili, pur di non cambiare le abitudini al consumo della gente. Quello che sembra un passo avanti, rischia di creare più problemi di quelli che risolve.

La rivoluzione italiana ai sacchetti di plastica sarà quella preannunciata da Ermete Realacci, ministro all'ambiente in pectore del prossimo governo Veltroni: i sacchetti di plastica saranno sostituiti da sacchetti di bio-polimeri, secondo il brevetto Novamont che con mezzo chilo di mais ed un chilo di olio di girasole produce 100 sacchetti biodegradabili.

L'articolo sottolinea che entusiasti dell'idea sono anche gli agricoltori che stimano che per produrre le 300.000 tonnellate di bioplastiche che dovranno sostituire le equivalenti tonnellate di polietilene, oggi usate per produrre 15 miliardi di sacchetti, basta coltivare a mais e girasole 200.000 ettari di terreno.

Questa soluzione viene spacciata per ecologica invece è una "puttanata" (scusate l'espressione poco scientifica), in quanto di ambientale non ha proprio un bel niente.

In una società realmente in equilibrio con le risorse del Pianeta i sacchetti usa e getta per portare a casa la spesa sono un oggetto da abolire o da far pagare a caro prezzo, quello equivalente al pesante impatto ambientale che essi creano anche se sono biodegradabili.

L'onorevole Realacci ha un'idea di quanto combustibile fossile, quanta acqua, quanti fertilizzanti, quanti pesticidi ci vuole per coltivare 200.000 ettari a mais e girasole, necessari per produrre 300.000 tonnellate di bio-plastiche usa e getta?

Qualcuno ha fatto i conti di quanta anidride carbonica viene rilasciata durante queste fasi di lavorazione e in quelle necessarie per passare dal mais al polimero finito?

L'unico serio utilizzo delle plastiche bio-degradabili è che queste devono sostituire le attuali pellicole e vaschette di plastica utilizzate per confezionari alimenti.

E' anche necessario che questi materiali biodegradabili, necessariamente monouso, e comunque anch'essi riducibili con una intelligente riprogettazione dei sistemi di distribuzione ed imballaggio, possano essere facilmente individuati come materiali compostabili da raccogliere in modo differenziato, insieme alla frazione umida, per avviare il tutto al riutilizzo, rigorosamente ed esclusivamente sotto forma di compostaggio o di fermentazione anaerobica.

Precisare che i trattamenti finali per le bio-plastiche devono essere solo tecniche di trattamento biologico non è casuale.

C'è una subdola conseguenza della scelta promossa dall'onorevole Realacci: la sostituzione delle attuale 300.000 tonnellate di sacchetti in plastica di sintesi, con 300.000 tonnellate di sacchetti di bioplastiche farà diventare quest'ultimi biomasse.
A questo punto, in base ai nuovi accordi, la loro combustione si potrà legittimamente avvalere dei soliti famigerati certificati verdi, a cui si aggiungeranno anche i contributi CONAI, in quanti i sacchetti sono degli imballaggi e la loro combustione, per legge, è una forma di riciclo.

Segnalo infine un altro problema che i sacchetti biodegradabili hanno: sono incompatibili con la raccolta differenziata delle plastiche finalizzate al riciclo di quest'ultime.

Questo significa che scarti di polietilene mescolati a scarti di biopolimero tipo mater-bi non possono essere più riciclati come materie plastiche ed è impensabile separare i due materiali.

Unica soluzione mandare il tutto ai termovalorizzatore!!

Per cortesia qualcuno fermi questa follia!

venerdì 19 ottobre 2007

Prosegue la crisi idrica in Romagna

Il Comitato Istituzionale riunitosi oggi a Bologna per fare il punto sull’emergenza idrica della Romagna, anche sulla scorta del parere del Comitato tecnico, non ha ritenuto necessario adottare nell’immediato misure di riduzione dell’erogazione dell’acqua nelle province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla protezione civile e difesa del suolo Marioluigi Bruschini che presiede il Comitato stesso.

Negli ultimi giorni il prelievo di acqua dalla Diga di Ridracoli si è ridotto, attestandosi a quota 63 mila metri cubi al giorno. Complici la riduzione della pressione nelle condutture già attuata dai gestori dalla fine di settembre, l’abbassamento delle temperature che ha contribuito a ridurre la domanda, ma, anche la realizzazione e l’operatività di alcune delle opere infrastrutturali previste dal secondo Piano di interventi urgenti approvato il 24 settembre con decreto del Presidente della Regione Errani. Si tratta tra l’altro, dell’interconnesione dell’acquedotto di Cesena, di quella di Covignano e dei lavori realizzati a Torre Pedrera.


“La situazione – ha detto Bruschini – resta tuttavia complessa e richiede un monitoraggio attento e costante”. Per questo Bruschini ha deciso di convocare il Comitato in seduta permanente e di fissare già per lunedì 29 ottobre il prossimo incontro a Bologna .

“In quella riunione - ha detto - valuteremo, sulla base dell’evolvere della situazione, se e quali provvedimenti adottare.”
Bruschini ha anche annunciato che la Regione chiederà al Governo la proroga dello stato di emergenza dichiarata lo scorso mese di luglio e che verrà lanciata una campagna di comunicazione “perché i cittadini siano informati e coinvolti. L’acqua è un bene limitato ed è responsabilità di ciascuno di noi contribuire al risparmio”


Nell’incontro odierno si è anche deciso di fissare a quota 4 milioni di metri cubi il volume minimo dell’invaso di Ridracoli, che nella giornata odierna, alle ore 9, era di 5 milioni 607 mila metri cubi. Il livello minimo raggiunto risale al 1994 quando venne toccata quota 4 milioni 814 mila metri cubi. Secondo i dati forniti da Romagna Acque l’acquedotto della Romagna nei primi 9 mesi del 2007 ha erogato 33 milioni 660 mila metri cubi di acqua contro i 47 milioni 260 mila messi in rete nello stesso periodo del 2006.

(Fonte :Sestopotere)

MAURIZIO PALLANTE a Cesena


Il Movimento Impatto Zero è lieto di invitarLa
alla serata organizzata
(assieme alle associazioni "Librarsi" e "Luciano Lama")
con

dott. MAURIZIO PALLANTE

mercoledì 24 ottobre ore 20.30

sul tema

SVILUPPO LAVORO E DECRESCITA
presso

sala "C. Migliori" (sede CGIL)

via Plauto, 90

Cesena

(scrittore, fondatore del Movimento per la Decrescita, esperto di politiche energetiche
e consulente per il Mnistro dell'Ambiente Pecoraro Scanio).

Per info: Barbara Movimento Impatto Zero (MIZ) Cesena londra@email.it cell.349.3207788

mercoledì 17 ottobre 2007

Uno sguardo sul futuro dei PC

Jeff Han é un coreano che ha fatto una invenzione straordinaria, un touch screen che non funziona con il vecchio paradigma del singolo puntatore, ma che rileva contemporaneamente la presenza di più dita in prossimita di uno schermo ad altissima risoluzione, la parte straordinaria non sta tanto nel dispositivo in se ma nel software di interfaccia utente che ha creato, davvero intuitivo, roba da fare impallidire quello che si è visto in "minority report" ... già mi vedo a sbirciare su Google Earth con una interfaccia del genere, a quando sui nostri vetusti PC ?


Ulteriori informazioni: Breakthrough Awards 2007, Jeff Han Perceptive Pixel

martedì 16 ottobre 2007

Uno stato a rovescio, il libro

Come avevamo già annunciato in precedenza in un post di qualche tempo fa, il nostro carissimo amico Nicola Andrucci, scrittore sulla mafia, ci aveva promesso che il suo secondo libro inedito sarebbe uscito in libera diffusione su internet, dato che nessuno lo avrebbe pubblicato. Il tema del libro è davvero scottante, non parla di mafia in termini generici o storici ma circostanzia gli avvenimenti che hanno portato al processo di Marcello Dell'utri, processo ancora in corso in quanto non ancora arrivato agli ultimi gradi di giudizio. Naturale che parlare di un processo in corso faccia scandalo, ma malgrado la presunzione di innocenza che vige nel nostro ordinamento parlare di dati processuali certi e di sentenze di un giudice fa parte della libertà di espressione e di informazione tanto quanto parlare di vicende oramai dimenticate come il processo per mafia di Andreotti (sul quale molti libri si sono spesi, fra cui quello precedente dello stesso Andrucci "Cosa Nostra, Attacco allo Stato"). Questo non è un testo di ipotesi, teoremi, illazioni. questo è un testo di fatti, realmente accaduti e documentati. Vengono qui narrati accadimenti, eventi certi, senza lasciare spazio a supposizioni o incertezze. Il Processo a Marcello Dell'Utri, Senatore di Forza Italia, per "Concorso esterno in associazione mafiosa". La sua amicizia e gli affari con Silvio Berlusconi. Una storia iniziata negli anni Settanta e giunta fino ai giorni nostri.

lunedì 15 ottobre 2007

Un articolo per il "Blog Action Day"

Oggi in data 15 ottobre è stata proclamata la giornata mondiale del blog action day, tutti i bloggers sono invitati a focalizzare la loro attenzione verso il tema dell'ambiente e dare risalto alle notizie che sempre più stanno portando i temi dell'ecologia e della sostenibilità ambientale al centro dell'attenzione dell'opinione pubblica. Talvolta troppo poche volte ci rendiamo conto, come genere umano, del fatto di abitare in un pianeta fragile, soprattutto assai poco ci ricordiamo come questo bistrattato pianeta che sostiene la nostra vita sia l'unico che abbiamo. Nonostante si discuta costantemente e con toni allarmistici di guerre, ingiustizie, interessi lesi, disoccupazione, conflitti sociali ... ma siamo davvero sicuri di non fare la parte di quelli che si lamentano della polvere sul tappeto mentre la casa brucia ?? La realtà purtroppo è sotto gli occhi di tutti (almeno di quelli che la vogliono intendere), nel 2025 saremo 8 miliardi di individui, se per allora tutti riuscissero a raggiungere uno stile di vita paragonabile a quello che abbiamo ora negli stati uniti servirebbero 6 pianeta terra per ricavarne le risorse necessarie. Se invece, sempre nel 2025, si continuerà (come è invero assai probabile) ad avere la solita piccola parte del genere umano (pari al 5%) che consuma più del 30% delle risorse totali, lasciando il rimanente in una situazione intollerabile di povertà, di pianeti terra ne serviranno soltanto 2. Peccato però che ne avremo solamente 1! Stiamo passando inesorabilmente dalla civiltà dei diritti alla civiltà dei bisogni, ciò che dovrebbe essere considerato un diritto fondamentale dell'individuo (accesso all'acqua, al cibo, alla salute, all'integrità fisica e culturale) si riduce ad un bisogno che deve solo cercare di essere soddisfatto, cioè accessibile solo per chi può "pagarselo", non certo per diritto alla nascita. Così, ecco spiegato il via alla privatizzazione dell'acqua, il benestare allo smembramento del territorio per venderlo al migliore offerente, tutte pratiche che inquadrano l'ambiente come mera voce economica fra le tante, non come fondamentale entità da tutelare. Occorre ritornare ad una gestione pubblica dello sfruttamento delle risorse del pianeta. La corrente cultura capitalistica universale ci insegna che l'economia di mercato rappresenta la maniera più efficace per massimizzare il principio dell'utilità individuale: Produrre di più per poi comprare e meritare così di avere quello di cui necessitiamo. Andiamolo a dire ai 3,5 miliardi di cinesi e indiani che aspirano al nostro modello di sviluppo. Dopo il v-day di beppe grillo verso la classe politica italiana, ci dobbiamo forse aspettare assai prima di quanto non si creda il v-day della natura contro il genere umano, colpevole di totale ottusità e gestione scellerata dell'ambiente.

Bertinoro chiede il "porta a porta"

L’Assessore alla Qualificazione e Sviluppo Ambientale Roberto Riguzzi ha inviato oggi al Sindaco di Bertinoro la disponibilità della Provincia di Forlì – Cesena a contribuire anche economicamente all’estensione della raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta in quel comune.

Questa disponibilità, espressa nell’ultima Giunta Provinciale, segue la richiesta inviata dal comune circa un mese fa, su iniziativa del Consiglio Comunale di Bertinoro.
Oltre al comune artusiano, anche quello di Bertinoro ha quindi ufficializzato il suo interesse alla raccolta dei rifiuti porta a porta, con la Provincia che lo stesso Riguzzi si dice "pronta a sostenere tali iniziative in quanto coerenti con l’obiettivo prioritario del Piano Rifiuti: incrementare la raccolta differenziata e migliorare la qualità degli scarti avviati a recupero".

La Provincia - aggiunge Riguzzi - ritiene che l’iniziativa proposta dal comune di Bertinoro risulti interessante sia sotto il profilo ambientale, in quanto persegue l’obiettivo dell’incremento della raccolta differenziata, sia sotto il profilo socio economico, in quanto dovrà modificare abitudini e comportamenti consolidati da parte della popolazione.

La Provincia prevede per Bertinoro lo stesso sostegno dato a Forlimpopoli, mettendo a disposizione 20.000 euro per la campagna di informazione e sensibilizzazione.
Tali risorse saranno disponibili non appena l’amministrazione di Bertinoro presenterà il progetto definitivo per la raccolta differenziata Porta a Porta": conclue Roberto Riguzzi

(Fonte: sestopotere)

venerdì 12 ottobre 2007

Commissione ambiente della provincia di Forlì-Cesena

Informiamo che il giorno

martedì 23 ottobre 2007

alle ore 15.00

si incontrerà la 1^ e la 4^ commissione consiliare provinciale

*1^ commissione:
Affari generali, Bilancio, Finanze, Patrimonio, Personale,
Programmazione, Pianificazione Territoriale

*4^ commisione:
Ambiente e difesa del suolo

presso

Centro Unificato di protezione civile
via cadore, 75 Forlì

Ordine del Giorno ancora non disponibile.

Cronache (marziane) dal Consiglio Provinciale FC

Riporto dall'ultimo Consiglio Provinciale di FC (08.10.07) in tema d'inquinamento. Osserviamo che la Commissione Ambiente della Provincia "batte un pò la fiacca". Nessuna menzione per lo scandalo Rifiutopoli, niente riguardante la sentenza ambigua contro Mengozzi, la Provincia sembra addirittura disposta a concedergli l'autorizzazione a bruciare 28.000 ton/anno di rifiuti ospedalieri. Infine, niente sull'ultima lettera dei Medici in risposta alle segnalazioni di Bersani. Mi sembra sia proprio il caso di dire che la Commissione non è intervenuta compiutamente nel fare il proprio dovere, tutelare l'ambiente e la salute dei cittadini.


Ambiente, inquinamento e inchieste della Magistratura, Gagliardi (Fi) interroga FORLI’ – Il capogruppo di Forza Italia Stefano Gagliardi , ha presentato un’interpellanza dedicata alla nuova inchiesta sull’inquinamento ambientale e l’irregolare smaltimento dei rifiuti pericolosi , caldeggiando anche il rafforzamento degli organici preposti al controllo ed alla difesa dell’ambiente. “Le procedure amministrative – ha risposto l’assessore Roberto Riguzzi – sono adeguate e molti i soggetti istituzionali (in primis l’Arpa, ndr) e delle forze dell’ordine coinvolti nella tutela ambientale del territorio”. L’assessore ha ricordato che negli ultimi anni ben 9 volte la Provincia s’è costituita parte civile in processo con un risarcimento di 80 mila euro comprensivo di risarcimenti legali. L’assessore ha indicato le cifre dell’attività di controllo e tutela ambientale della Polizia Provinciale e Anti-Inquinamento. “I controlli sul nostro territorio esistono e violare le regole è sempre più difficile”. Il capogruppo di Forza Italia Stefano Gagliardi ha chiesto che l’argomento “venga ulteriormente approfondito in Commissione”. (Fonte:Consiglio provinciale)

giovedì 11 ottobre 2007

Bersani e i medici, la saga continua


Riportiamo dal blog degli amici di FaEnzAtTiva la risposta che Patrizia Gentilini ed altri medici hanno inviato al ministro dello sviluppo economico Pierluigi Bersani. Di fronte ad argomentazioni così accurate e precise siamo davvero curiosi di sapere come la lobby degli inceneritoristi, di cui Bersani oramai si è fatto portavoce a tutto-tondo, saprà rispondere.

Lettera di risposta dei medici a Bersani

Hera, fra pubblico e privato

Problemi con Hera ?




Nato il 25 novembre 2002 il Gruppo Hera unisce 12 aziende municipalizzate di Bologna, Ferrara e della Romagna, ed é il secondo gruppo multiutility in Italia. Quotato in borsa il 26 giugno 2003.

  • Valore produzione 1.331 milioni di euro

  • Utile netto 53 milioni di euro

  • Clienti/Utenti 2 milioni

  • Dipendenti 4.428

  • Comparto gas 700 milioni di euro

  • Comparto acqua 640 milioni di euro

  • Rifiuti raccolti 1,1 mil/tonn

  • Rifiuti trattati 2,4 mil/tonn

Un colosso, ma anche tanti problemi e proteste, se hai problemi con HERA puoi inviarli qui.

"Strano" comunque che nel sito di Hera non sia per nulla citato quello che dovrebbe essere un obiettivo primario, secondo l'invito di ATO di promuovere la riduzione dei rifiuti e la loro differenziazione, nessun commento infatti sulla raccolta differenziata porta a porta a Forlimpopoli e il suo enorme successo. Neanche a parlarne di trovare queste informazioni nel suo Codice Etico. Come a volere nascondere una macchia nella normale gestione del territorio. Se hera fosse realmente in mano pubblica, queste omissioni non esisterebbero. Se hera fosse totalmente privata ed in concorrenza reale sul mercato queste omissioni non esisterebbero (sarebbe un vanto proporre soluzioni innovative). Dato che hera è pubblica e privata assieme, l'unica notizia importante è l'aumento del fatturato a prescindere da tutto il resto.

mercoledì 10 ottobre 2007

Il potere degli occhi


Crediamo soltanto a ciò che vediamo, perciò, da quando c'è la televisione, crediamo a tutto.

Dieter Hildebrandt

L'acqua della Diga ha i minuti contati

L'acqua della Diga di Ridracoli ha i minuti contati, fra poco saremo abbeverati come pecore dal Cer (canale emiliano romagnolo) che come ben si sà contiene acqua che convoglia quella dell'agricoltura, quindi a rischio di contaminazioni e si mettano pure tutti i depuratori che si vuole, ma i pesticidi quelli non li ferma nessun filtro purtroppo.
Quello che mi sconcerta di più, non è tanto la crisi idrica, oramai c'è bisogna farci i conti, ma l'assenza totale di prevenzione a siccità ancor maggior e soluzioni in direzione di ripristino del livello dell'acqua in diga. La politica dovrebbe servire anche a questo a prevenire il problema , coltivare la lungimiranza e invece si è solo provvisti di pezze, toppe da mettere qua e là quando siamo in emergenza e ormai il problema esploso. Non mi si venga a dire che il problema è solo la pioggia, sono anche le scelte politiche industriali, i maggior consumatori di acqua sono l'agricoltura e l'industria: nessuna regolamentazione per l'uso dell'acqua tranne che per i poveri comuni mortali cittadini? Tipo legiferare per un riciclo spinto che consuma un terzo del quantitativo d'acqua, raccolta di acque piovane, vietare la privatizzazione dell'acqua. Se volete saperne di più venite a sentire Maurizio Pallante il 24 ottobre a Cesena (seguirà invito), c'è gente che ha scritto libri su queste cose, ma fanno finta tutti che non ci siano soluzioni per arginare il problema, che va affrontato e subito. Ma io sulla bolletta pago acqua di ridracoli o di Cer? Perchè se ora arriva l'acqua del Cer giustizia vuole che almeno il prezzo sia diverso visto ch ela qualità è peggiorata. Cornuti e mazziati no! Viviamo a Paperopoli ne sono sempre più convinta!

Riporto la notizia da Sestopotere.it:

L’Agenzia regionale di protezione civile ha dato attuazione ai provvedimenti urgenti previsti dal Secondo piano degli interventi per fronteggiare la crisi idrica, approvato con decreto del presidente della Regione Vasco Errani lo scorso 24 settembre.

La Provincia di Forlì-Cesena è stata autorizzata, con un’assegnazione di 600 mila euro, ad acquisire un terzo potabilizzatore mobile, di grossa taglia (40 litri/secondo) per il prelievo delle acque superficiali del Canale emiliano-romagnolo (Cer). Questo terzo potabilizzatore andrà ad affiancare i due che la Società Romagna Acque sta realizzando, su disposizione della Regione, rispettivamente a Cesena, in località Macerone, e a Faenza, sempre con prelevamento di acqua dal Cer.
Con ulteriore provvedimento è stato disposto l’invio di un quarto potabilizzatore mobile, da 15 litri/secondo, nella dotazione della Protezione civile regionale, per l’impiego integrativo delle acque ricavate dal ripristino di un pozzo per l’acquedotto di Faenza.

Questi interventi sono finalizzati a compensare la minore disponibilità dell’acqua del bacino di Ridracoli, anche in considerazione del fatto che le previsioni meteo confermano un andamento sfavorevole per le precipitazioni soprattutto in Romagna, fino a tutto il mese di novembre.
Ulteriori interventi nell’area occidentale della Regione, con l’installazione di otto serbatoi per l’acqua potabile e di quattro potabilizzatori mobili, di media dimensione (6 litri/secondo), nella dotazione della Protezione civile regionale.
Gli otto serbatoi, con una capacità di accumulo dai 32 ai 50 metri cubi, sono destinati ai comuni di Bore, Neviano degli Arduini, Langhirano e Corniglio in provincia di Parma; Monte San Pietro e Vergato in provincia di Bologna.
I quattro potabilizzatori mobili sono stati installati dalla Protezione civile regionale nei comuni di Felino, Collagna, nel Parmense e Villa Minozzo in provincia di Reggio Emilia.

Per fare il punto della situazione, la Protezione civile regionale ha convocato d’intesa con la Direzione regionale Ambiente, difesa del suolo e della costa, per mercoledi 10 ottobre, la cabina tecnica di regia regionale di cui fanno parte i rappresentanti delle amministrazioni provinciali, dei Servizi regionali coinvolti, di Romagna Acque, delle principali società di Servizi, degli Ambiti territoriali ottimali.

Il codice del consumo e i diritti dei consumatori


Il Comune di Forlì - Assessorato ai diritti dei consumatori ha organizzato un convegno sul tema
IL CODICE DEL CONSUMO E I DIRITTI DEI CONSUMATORI
GIOVEDI' 18 ottobre 2007
alle Ore 15 Sala Randi – Comune di Forlì.

Nell'occasione si potrà firmare contro gli OGM.


Programma

Inizio lavori ore 15.00
Saluto del Sindaco di Forlì – On. Nadia Masini
Presentazione lavori – Ass.re Sandra Morelli
Dott.ssa ANNA BARTOLINI

I dieci diritti dei consumatori ed evoluzione recente.
Libro verde della Commissione per la modifica della normativa a tutela dei consumatori.
Modifica del Codice del Consumo
Effetti sul consumatore e sul mondo produttivo
I centri europei dei consumatori

Dibattito ore 16.30

E' previsto un intervento di

GIANFRANCO MONTALETTI
Coordinatore per la Provincia di Forlì-Cesena del Comitato "Italia Europa liberi da o.g.m ."

Conclusione lavori ore 17.30




martedì 9 ottobre 2007

Bisogna essere duri, senza mai perdere la tenerezza

"Bisogna essere duri, senza mai perdere la tenerezza"

Ernesto "che" Guevara de la Serva

Mi piace ricordare così questo personaggio che ho conosciuto solo sui libri e nei filmati, le sue foto mentre accarezza il cane, mentre ride spesso nei suoi discorsi in privato e in pubblico... Mi da proprio l'idea di uno felice di quel che fa, integro nei suoi principi etici, fino alla morte, questa forse la durezza a cui si riferisce, ma tenero mentre ne parla, mentre sorride, mentre accarezza i suoi figli .

Il soprannome di "Che", o per esteso "Che Guevara", gli venne attribuito dai suoi compagni di lotta cubani in Messico, e deriva dal fatto che Guevara, come tutti gli argentini, pronunciava spesso l'allocuzione "che". La parola deriva dalla lingua Mapuche e significa "uomo", "persona", e venne ripresa nello spagnolo parlato in Argentina e Uruguay, per chiamare l'attenzione di un interlocutore, o più in generale, come un'esclamazione simile a "hey". Curiosamente la parola spagnola "che" (che si pronuncia "ce") ha lo stesso significato della parola italiana "ciò", che si usa come intercalare sia in Veneto che in Romagna.

Discorso di Paolo Zoffoli sulla PaP

Il sindaco Paolo Zoffoli di Forlimpopoli ha acconsentito di diffondere il suo intervento registrato in occasione della conferenza pubblica svoltasi il 5 Ottobre sull'andamento della PaP a Forlimpopoli. Abbiamo davvero bisogno di amministratori che abbiano il coraggio di percorrere strade mai battute e proporre soluzioni innovative, sicuramente Forlimpopoli rappresenterà un esempio da imitare e un punto di riferimento per tutte le amministrazioni della provincia che vorranno incamminarsi, come noi ci auspichiamo, verso la strada del "Porta a Porta".

video

lunedì 8 ottobre 2007

RD a Forlimpopoli: Esperimento riuscito

Il MIZ (Movimento Impatto Zero) e il MEET-UP “Amici di Beppe Grillo a Cesena” vogliono esprimere pieno sostegno e ringraziare pubblicamente il Sindaco di Forlimpopoli Paolo Zoffoli per avere promesso il proseguimento della raccolta differenziata “porta a porta” nella sua città a seguito delle sue dichiarazioni nell’incontro del 5 ottobre sul tema: “RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA a Forlimpopoli: UN ESPERIMENTO RIUSCITO”. Il sindaco ha dichiarato che anche dopo il periodo di sperimentazione terminante il 31 dicembre 2007 si impegnerà a fare sì che il progetto continui ed anzi entri compiutamente nella sua piena fase realizzativa.

L’esperimento della raccolta differenziata spinta a Forlimpopoli, secondo comune in regione a sperimentarla, è stato un vero successo (in agosto ha raggiunto quota 74% di RD). Non poteva essere altrimenti visto che in ogni regione d’Italia e del mondo, dove i rifiuti vengono differenziati con questo metodo, il successo è stato garantito.

Alcuni dati: si è passati da un misero 30.9% di differenziata col sistema stradale a cassonetto ad un 69.8% col sistema “porta a porta”, incrementando la raccolta differenziata in città del +126%, col risultato che si ricicla 3 volte in più rispetto a prima e si producono il 19% di rifiuti in meno. Ma i vantaggi non finiscono qui, con la raccolta domiciliare si elimina l’illegalità dei rifiuti gettati fuori del cassonetto (piccole discariche a cielo aperto), con il riciclo dei rifiuti si riduce inoltre considerevolmente la quantità d’acqua utilizzata nel processo di produzione di nuovi materiali ed in un periodo di grossa crisi idrica come il nostro non è poca cosa.

L’esperto del Comune di Forlimpopoli che segue l’iter della “PaP”, Dott. Natale Belosi, ha evidenziato, con calcoli a nostro avviso assolutamente convincenti, come la raccolta porta a porta dei rifiuti sia conveniente: costa meno, inquina meno, dà lavoro a categorie svantaggiate, dimostrando come più i Comuni sono grandi più il “porta a porta” risulti efficiente anche dal punto di vista economico.

Il sindaco Zoffoli chiede giustamente che anche gli altri comuni della provincia perseguano questa stessa strategia ed estendano il sistema domiciliare, auspicandosi che in ambito provinciale e regionale si manifestino gli sgravi fiscali promessi ai comuni che producono meno rifiuti; estendendo la domiciliare a tutta la provincia, gli inceneritori che si pensa di realizzare potrebbero rivelarsi superflui (come già accaduto a Reggio Emilia, dove si è sospesa la costruzione dell’inceneritore dopo il successo della raccolta domiciliare per carenza di materie prime da bruciare).

I conti presentati da HERA oggi parlano di un maggior costo di circa l’8% (anziché dell’80% come aveva inizialmente pronosticato), pur includendo a nostro avviso talune spese di avvio una tantum e spese ulteriori di gestione (start up) nonché spese generali non giustificate né giustificabili, passibili di contestazione e di revisione.

Chiediamo all’amministrazione Comunale e alla Provincia che, alla luce di questi dati eccellenti provenienti da Forlimpopoli, il sistema di raccolta differenziata “porta a porta” sia esteso anche alla città di Cesena e alla intera provincia: non appare necessario fare ulteriori sperimentazioni per dimostrare che la “PaP” funziona.

Ricordiamo che il M IZ prosegue la raccolta delle firme a favore della petizione per introdurre il Porta a Porta anche a Cesena, tutti i sabati mattina dalle ore 9.30 alle ore 12.30 presso il loggiato del Comune di Cesena.

Per info: Barbara 349.3207788 - www.mizcesena.blogspot.com

Pallante sull'abuso della parola "modernità"

Sviluppo economico e sviluppo sostenibile fanno fatica ad andare di pari passo, su questa affermazione sembra oramai non esserci alcun dubbio. In nome di un ecologismo di facciata che mira a raccogliere le istanze di protesta di chi ci vede proiettati inesorabilmente verso il disastro, si tirano fuori le solite vecchie ricette: modernità, tecnologia, crescita, sviluppo!

Ascoltate le parole di Pallante che commenta il discorso di auto-candidatura di "Ualter Ueltroni" in cui parla delle "nuove" prospettive del neonato partito democratico... c'è da rizzarsi i capelli, nonché viene quasi voglia di istituire il v-day come incontro settimanale periodico.

Leggi l'intero articolo di Maurizio Pallante

Di seguito alcuni brevi stralci delle considerazioni più interessanti:

Veltroni aggiunge: «Quello a cui pensiamo è l'ambientalismo dei sì. Sì a utilizzare le immense possibilità della tecnologia per difendere la natura». Chiunque abbia raggiunto i quarant’anni ha avuto modo di vedere come sia stato proprio lo sviluppo tecnologico a distruggere progressivamente la natura. … L’aumento delle concentrazioni di CO2 nell’atmosfera terrestre da 280 a 380 parti per milione e l’innalzamento della temperatura terrestre, da cosa dipendono se non dall’uso di tecnologie sempre più potenti per estrarre quantità sempre maggiori di idrocarburi dal sottosuolo, con cui alimentare impianti industriali dotati di tecnologie sempre più potenti che consumano sempre maggiori quantità di energia per produrre sempre maggiori quantità di oggetti che consumano quantità sempre maggiori di energia per funzionare? Come si faccia ad avere una fiducia così totale nella tecnologia, una fiducia con le caratteristiche di una vera e propria venerazione, è difficile da capire.

Se la tecnologia viene posta a servizio della crescita economica non può che essere distruttiva nei confronti della natura. Le innovazioni tecnologiche di processo finalizzate ad aumentare la produttività comportano un consumo crescente di risorse, che esaurisce progressivamente - sta esaurendo - gli stock di quelle non rinnovabili ed eccede le capacità naturali di rigenerazione di quelle rinnovabili. … Se l’impronta ecologica dell’umanità nel suo complesso è già oggi superiore alle capacità del pianeta terra e ne richiederebbe uno e mezzo, le innovazioni tecnologiche finalizzate alla crescita del prodotto interno lordo non possono che aggravare progressivamente questi problemi fino all’implosione.

domenica 7 ottobre 2007

In difesa del diritto alla salute

Riteniamo a dir poco vergognosa la presa di posizione del Ministro Bersani contro la Federazione Regionale dell'Emilia-Romagna dell'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri "rea" esclusivamente di voler tutelare la salute dei cittadini ispirandosi al "Principio di Precauzione" nel pieno rispetto dell'Art. 5 del Codice Deontologico. Non comprendiamo i reali motivi che hanno spinto il Ministro a reagire con tanta veemenza contro un'iniziativa che mira palesemente alla "Prevenzione Primaria", negando ai medici la prerogativa di occuparsi della salute pubblica. Siamo pertanto indignati contro questo tentativo di imbavagliare i medici e siamo pronti a scendere in Piazza per poter difendere il loro diritto di parola nonché il nostro diritto alla salute, come sancito dall'Art. 32 della Costituzione Italiana.

Per informazioni:
Raffaella Pirini 347-4162842
Barbara Martini 349-3207788

ASS. CLAN-DESTINO
M.I.Z. CESENA (Movimento Impatto Zero)
IL PASSATORE. IT
MEETUP FORLì-CESENA
VIATERREA
.... « Quando si parla di prevenzione del cancro, tutti pensano alla cosiddetta diagnosi precoce, ma c'è una prevenzione che si può fare a monte, cercando non di limitare i danni della malattia diagnosticandola al più presto, quanto piuttosto di evitare l'insorgere del cancro, impedendo l'esposizione alle sostanze che lo provocano. La prevenzione primaria si occupa proprio di questo: fare ricerca sulle sostanze naturali o sintetiche per capire quali sono cancerogene e, una volta individuate, suggerire alle autorità sanitarie delle misure di salute pubblica per toglierle dalla circolazione. Si tratta di una strategia che protegge tutti - il ricco come il povero - ma purtroppo è bistrattata da scienziati, politici e autorità sanitarie. »
(Dott. Lorenzo Tomatis Tuttoscienze - La Stampa n° 1196, 7 settembre 2005)


sabato 6 ottobre 2007

Finalmente i filmati della V-Zone

A quasi un mese di distanza dalla fantastica giornata del V-Day promossa da Beppe Grillo manteniamo fede alla promessa fatta riguardo alla iniziativa denominata V-Zone: pubblicare in forma integrale tutte le interviste video che sono state registrate a Forlì. Premetto che a tutti gli intervistati è stata richiesta una liberatoria per l'utilizzo e la pubblicazione del materiale video. Alcune di queste interviste sono veramente esilaranti, altre decisamente provocatorie, tengo a sottolineare che non abbiamo censurato nessuno, tanto è stato registrato tanto è stato incluso nel filmato. Per esigienze di spazio su YouTube abbiamo suddiviso gli interventi in due filmati distinti.


Parte 1/2

Parte 2/2



Ringraziamo Eddi Bisulli dell'associazione ViaTerrea per avere organizzato e realizzato la registrazione di questi contributi in occasione del vday.

P.S. Mitica la Barbara all'inizio del secondo filmato, ottimisticamente convinta che solo a Forlì fossero state raccolte 250.000 firme, il dato si riferisce ovviamente alla raccolta nazionale, che anzi è stato a conti fatti ampiamente superato arrivando a quota 300.000.

venerdì 5 ottobre 2007

I medici rispondono a Bersani

Riporto da Ansa.it

RIFIUTI: I MEDICI DELL'EMILIA ROMAGNA A BERSANI, INTERESSATI DELL'IMPATTO ALLA SALUTE

"Noi non abbiamo detto che il ministro deve chiudere gli impianti esistenti che sono stati costruiti secondo le normative. Riteniamo però che non sia bene costruire nuovi impianti fino a che non venga chiarito che tutto ciò che è stato fatto finora con le tecnologie correnti non ha un impatto sulla salute".

Così il presidente della federazione degli ordini dei Medici dell'Emilia Romagna, Giancarlo Pizza, intervistato da Telesanterno, ha risposto al ministro dello Sviluppo Pier Luigi Bersani il quale ha chiesto ai ministri competenti che sia aperta una indagine sulla Federazione emiliana degli ordini dei Medici, a causa della richiesta avanzata agli amministratori locali di non concedere i nulla osta per nuovi TERMOVALORIZZATORI-INCENERITORI.

"Se tutti fossimo tranquilli -ha spiegato Pizza- non avrebbe senso che la Regione abbia disposto studi tanto importanti e tanto costosi. Il nostro invito a persone pertinenti a considerare attentamente qesta situazione ci sembrava un atto doveroso, visto che siamo medici eletti che rispondono a un impulso Istituzionale. Il nostro non è un invito a bloccare lo sviluppo economico del paese,ma a considerare attentamente certe decisioni".

Pizza ha concluso invitando Bersani alla riunione della federazione degli ordini dell'Emilia Romagna convocata per 17 OTTOBRE A BOLOGNA.

"... perchè in quella occasione potremo spiegare tranquillamente qual'è il senso del nostro intervento"

Fonte: ANSA.IT 05/10/07-ORE15.03

Difendi l'ambiente? Attento a Bersani!

Il 10 settembre la Federazione Regionale Emilia-Romagna degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri ha inviato a tutti i Sindaci, a tutti i presidenti delle Province e a tutti gli Assessori competenti della Regione Emilia-Romagna una lettera in cui si invitano gli amministratori a non concedere autorizzazioni a nuovi impianti di incenerimento nella nostra Regione (la trovate QUI).

Il Ministro Bersani ha ben pensato di scrivere una lettera a Mastella e a Livia Turco invitandoli a valutare la possibilità di intervenire contro questa iniziativa ed eventualmente sanzionare i responsabili. Forse il Ministro non consoce le nanoparticelle e i numerossisimi studi (Stefano Montanari e Nanodiagnostic)a sostegno di questi medici? Com'è possibile cotanta ignoranza?? Se sono Ministro e un'intera Federazione di medici mi sottoliena un'allarme cerco di verificarlo, chi me lo segnala sono medici, non imbianchini, ma invece il fido scudiero Bersani attacca, senza ombra di dubbio perciò che di gravissimo questi medici segnalano.

Riportiamo di seguito uno stralcio della lettera:

"un grave episodio": la richiesta dell'Ordine dei medici dell'Emilia Romagna di bloccare la costruzione di nuovi inceneritori. Una lettera in cui ha chiesto ai due ministri di valutare la possibilità di intervenire con "tutte le misure necessarie" per sanzionare i responsabili.

" scrivono i medici: "Si richiede di non procedere alla concessione di nulla osta alla costruzione di nuovi termovalorizzatori-inceneritori".

La nota, "che non riporta nessuna motivazione sostanziale - sottolinea il ministro - non appare suffragata da alcun fondamento tecnico-scientifico riconosciuto, atteso che la realizzazione degli impianti in esame e il loro funzionamento sono disciplinati dalle norme comunitarie e nazionali di tutela della salute e dell'ambiente. La richiesta, prescindendo dal merito, esorbita comunque totalmente dall'ambito delle attribuzioni degli ordini professionali di cui la suddetta Federazione regionale è espressione e appare ultronea anche rispetto alle iniziative di prevenzione menzionate nell'articolo 5 del codice deontologico della Federazione nazionale dei medesimi ordini".

La richiesta, continua Bersani, "appare altresì suscettibile di procurare un grave allarme nella popolazione interessata e di ostacolare gravemente il legittimo esercizio delle competenze amministrative di una vasta pluralità di enti pubblici locali. Appare infatti evidente la netta differenza fra la legittima libera manifestazione del pensiero di uno o più professionisti, anche riuniti e la richiesta in esame, proveniente da una Federazione di enti pubblici (gli Ordini) vestiti dell'autorevolezza derivante dalla vigilanza nell'esercizio della professione sanitaria, e suscettibile di paralizzare l'attività di altri enti pubblici rappresentativi, questi ultimi, delle comunità locali secondo il principio democratico sancito dalla Costituzione".

"La gravità dell'iniziativa - evidenzia il ministro - è accentuata dalla risonanza data dalla stampa locale e dall'avvenuta pubblicazione su siti internet".

"Anche in ragione delle possibili gravi conseguenze di iniziative come quelle in esame per l'approvvigionamento del sistema energetico nazionale e per una corretta gestione del territorio relativamente ai rifiuti - conclude Bersani - sottopongo alla vostra valutazione, in qualità di ministri vigilanti, l'apprezzamento se l'iniziativa in esame possa costituire un inammissibile sviamento dalle finalità istituzionali e, comunque, dagli ambiti di attività consentiti dalla legge, ai fini dell'eventuale adozione di tutte le misure ritenute necessarie, anche non solo disciplinari, nei confronti dei responsabili".



Sugli inceneritori:

giovedì 4 ottobre 2007

Crisi idrica regionale: ordinanza del Sindaco

Ci risiamo: la Diga di Ridracoli è ai minimi storici. E' notizia di tutti i giornali locali (in sordina però) che siamo in piena crisi idrica come già dall'anno scorso qualcuno (anche noi) aveva pronosticato. Però in prima pagina troviamo omicidi, l'ennesima organizzazione teatrale, culinaria, musicale del PD per raccogliere fondi e queste notizie che riguardano il nostro quotidiano e quello di tutti davvero, in 3a pagina. Viviamo in un mondo all'incontrario! E' datata 2 ottobre l'ordinanza del Sindaco che invita tutti io cittadini all'uso limitato dell'acqua:

ORDINA

a tutti gli utenti di limitare il prelievo e il consumo dell'acqua derivata dal pubblico acquedotto, agli stretti bisogni igienico-sanitari e domestici.

VIETA

a tutti gli utenti del pubblico acquedotto, dalla data di pubblicazione della presente ordinanza e fino al 30 novembre 2007, salvo espressa revoca, l'impiego dell'acqua potabile per:
- il lavaggio di aree cortilizie e piazzali;
- il lavaggio domestico di veicoli a motore;
- l'innaffiamento dei giardini, orti e prati;
- il riempimento di piscine, fontane ornamentali, vasche da giardino e il funzionamento di fontanelle a getto continuo.
- Il funzionamento di fontane pubbliche o private è consentito solo se dotate di apparecchiature per il ricircolo dell'acqua. Il funzionamento delle fontanelle è consentito solo se provviste del rubinetto di arresto.

ORDINA

Ad HERA S.p.A. ed al Settore Edilizia Pubblica del Comune di Cesena, per la parte di propria competenza, di provvedere alla chiusura delle fontane ornamentali, non provviste del sistema di ricircolo, nonché delle fontanelle di erogazione prive del rubinetto di arresto fino al 30 novembre 2007, salvo espressa revoca. Sono esclusi dagli obblighi della presente ordinanza i prelievi di acqua dalla rete idrica potabile per i servizi pubblici di igiene urbana e per tutte le attività economiche specificatamente autorizzate per le quali necessiti l’uso di acqua potabile.

AVVERTE

che le inadempienze ai suddetti ordini e divieti saranno sanzionate a norma di legge nella misura compresa tra 25 Euro e 500 Euro, e che la sanzione sarà imputata in solido a chi risulterà avere titolo per disporre legittimamente del sito o dei siti dove tali inadempienze avranno luogo.

INVITA

La cittadinanza ad adottare ogni utile accorgimento teso ad attuare un risparmio idrico.

Probabilmente ha ragione chi insinua che l'acqua che arriva nei nostri rubinetti non è proprio di Ridracoli, si segnala la crisi idrica, ma non si fanno ipotesi risolutive, siamo in crisi e punto. Che storia è? Dobbiamo arrivare a toccare il fondo per affrontare il problema, quando magari non ci saranno più possibili soluzioni? Anche la raccolta differenziata porta a porta che stiamo promuovendo da mesi va verso il risparmio idrico: riciclare consuma una quantità minima di acqua rispetto che creare un prodotto nuovo non riciclato. Perchè non si impongono queste politiche? Quale soluzione alla crisi? Pensate a questo binomio: crisi idrica, privatizzazione dell'acqua. Come vi "suona"? Suona guai grossi per tutti, poichè se l'acqua scarseggia e non è più ritenuta un bene pubblico come dovrebbe essere, vuol dire che chi la gestirà avrà un potere assoluto e asseterà lucrando su ciò che dovrebbe essere nostro per diritto come esseri viventi.

Il MIZ pensa di affrontare questo come prossimo tema di indagine e tutela. Se sei d'accordo con noi, hai informazioni a rigurado e vuoi fare qualcosa per te e per la tua città, partecipa al MIZ. Per info: Barbara 349.3207788 oppure scrivi a mizcesena@fastwebnet.it

martedì 2 ottobre 2007

Assemblea pubblica a Forlimpopoli sulla PaP

Sabato si è svolto un volantinaggio a Forlimpopoli, eravamo al Bennet insieme ai ragazzi del Clan-destino e del Meeutp di Forlì per informare i cittadini sui costi poco trasparenti presentati da Hera sui costi della Raccolta differenizata Porta a Porta a Forlimpopoli.

I cittadini forlimpopolesi si sono tutti dichiarati orgogliosi e contenti della loro raccolta.Una signora sugli 80 ha dichiarato:
da quando a Forlimpopoli c’è il porta a porta per noi anziani è molto meglio, soprattutto per quelli che vivono soli e hanno problemi a camminare“.


Siete tutti invitati a partecipare all'assemblea pubblica per approfondire i primi costi della PaP e fare chiarezza sui suoi benefici.


“Quale ambiente nel nostro territorio?
Forlimpopoli: raccolta differenziata porta a porta,
un esperimento riuscito”


Venerdi 5 alle ore 20.30
presso sala consiliare di Forlimpopoli
(adiacente al Cinema Verdi)

Presiede ENZO BATTAGLIA

Saluto di PAOLO ZOFFOLI Sindaco di Forlimpopoli

Dr. NATALE BELOSI
Piano gestione rifiuti, raccolta differenziata a Forlimpopoli e confronto con altre situazioni.

Ing. PATRIZIA GENTILINI
Inquinamento: i pericoli per la salute in prossimità dell’inceneritore di Coriano.

Sono invitati:
l’Assessore all’ambiente e il dirigente di Ambiente e Sicurezza del Territorio della Provincia FC, l’Assessore all’ambiente del Comune di Forlì, il Presidente del consiglio di amministrazione della SOT (HERA) Forlì-Cesena, il direttore del dipartimento di Sanità Puybblica dell’AUSL di Forlì, il direttore di ARPA di Forlì-Cesena, il Tavolo delle associazioni.

I cittadini sono vivamente invitati a partecipare al dibattito.

*per dovere di cronaca la serata è organizzata dal PCDI, Riformazione Comunista, Sinistra Democratica e Verdi.